Il Museo del pizzo di Plauen

L’arte del "Pizzo di Plauen" ha reso la capitale del Vogtland famosa in tutto il mondo.

Nel 1810 a Plauen il commercio dei ricami a mano era già noto e nel 1828 più di 2.000 persone erano impiegati in questa attività.
L’industrializzazione del mestiere è poi proceduta rapidamente: le prime macchine da ricamo a mano nel Vogtland venivano ancora dall’Alsazia e dalla Svizzera, ma fu Theodor Bickel a produrre con successo pizzo di tulle ricamato a macchina con punti a raso.

Nel 1883, Le prime macchine da ricamo sono arrivate a Plauen nel 1883 e hanno permesso la grande produzione di veri e propri merletti di tulle (circa 16.000 erano le macchine da ricamo in uso nel 1912 a Plauen). Il marchio registrato “Plauener Spitze ®” è stato tradotto melodiosamente per il mercato mondiale come “Saxon Lace”, “Plauen Lace” e “Dentelles de Saxe”.

Quest’arte ha conosciuto il suo periodo di massimo splendore nella Belle Epoque, quaranta anni prima della Grande Guerra, ma oggi ci sono ancora circa 40 piccole imprese che operano nel Vogtland e portano avanti questa tradizione. Nei vari atelier si possono fare acquisti e assistere alla loro creazione, mentre esemplari storici di corredi ricamati, abiti da sposa, pizzi e i merletti si possono ammirare al Museo del Pizzo di Plauen che si trova nell’Antico Municipio della città.